Endometriosi: Sintomi e Gravidanza

endometriosi

Dopo anni di incidenza crescente nella popolazione femminile, seppur attualmente sussista la carenza di un registro nazionale, l’Endometriosi è stata finalmente riconosciuta dal Ministero della Salute come malattia cronica invalidante (con un grado d’invalidità che oscilla tra il 10% ed il 35%) e verrà pertanto compresa dai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza Nazionale (LEA), garantendo esenzioni specifiche a chi ne è affetta ed ovviando in tal modo al problema degli elevati costi sanitari e sociali.

Ad essere colpite da Endometriosi sono ormai il 10-17% delle donne in età fertile, dall’adolescenza alla menopausa. Percentuali che richiamano e ricordano l’incidenza tipica del più conosciuto Diabete.

Ma che cos’è in parole semplici l’Endometriosi?

Consiste fondamentalmente nella crescita di tessuto endometriale, che normalmente riveste la parete interna dell’utero, al di fuori del distretto anatomico usuale, comportando spesso forti dolori pelvici, soprattutto in prossimità del ciclo mestruale che infiamma il tessuto, ed una serie di conseguenze interne come formazione di cisti ovariche, fibromi, aderenze tubariche o a carico del collo dell’utero, che potrebbero interferire negativamente con il potenziale di fertilità femminile se non trattate adeguatamente.

I sintomi possono essere i più svariati, talvolta poco specifici come astenia, disturbi digestivi, reazioni allergiche, ma più spesso abbastanza caratterizzanti. Primo tra tutti è il forte dolore pelvico, come abbiamo già accennato prima, che colpisce quasi la totalità delle donne affette.

Un’accurata diagnosi risulta essere il primo passo per affrontare correttamente il problema.

A tal proposito è assolutamente necessario rivolgersi a Centri specializzati con Professionisti affidabili nel campo della Ginecologia e dell’Ecografia.

Il Dr. Sabatino Russo, Ginecologo Responsabile della Clinica Hera di Giugliano in Campania (Napoli Nord), spiega che “L’ottimo riscontro terapeutico delle donne affette da patologie endometriosiche, avuto negli anni presso il nostro Centro, è sempre partito dalla sensibilizzazione delle nostre pazienti al concetto di prevenzione. Ogni diagnosi precoce ci ha facilitati nel percorso di trattamento volto non in ultimo alla preservazione della fertilità.

Un aspetto imprescindibile per la Clinica Hera che nasce come Centro di eccellenza per la fecondazione assistita. Ogni situazione è singola e come tale va trattata. La possibilità di avere una gravidanza dipende molto dalla gravità della malattia e dalle sedi di sviluppo del tessuto endometriale. La crescita di voluminose cisti ovariche potrebbe chiaramente compromettere l’ovulazione, così come la formazione di lesioni ed aderenze pelviche potrebbe compromettere la fluidità tubarica. Talvolta in questi casi è necessario ricorrere a tecniche di fecondazione assistita o a tecniche di congelamento ovocitario (crioconservazione ovociti) preventivo. Una soluzione ci può sempre essere affidandosi a mani esperte.

Recenti studi hanno purtroppo dimostrato una correlazione tra l’aumento dell’incidenza dell’Endometriosi e l’esposizione ad inquinanti ambientali, riconoscendo agli interferenti endocrini un ruolo chiave in questo rapporto. Anche l’alimentazione sembra fare la sua parte, così come ormai in moltissime patologie. Cibi ricchi di fitormoni risulterebbero infatti essere dannosi, rientrando tra le possibili cause concatenate dell’Endometriosi.

Un corretto stile di vita, un’alimentazione sana e controlli periodici ritornano ancora una volta a farla da padroni per intervenire quanto prima nella maggior parte delle condizioni cliniche patologiche. Preservare sé stessi equivale a preservare il futuro e preservare il futuro dà valore alla vita stessa.

Autore Dott.ssa Mariangela Palmieri

Dott.ssa Mariangela Palmieri Clinical Embryologist, esperta in tecniche di PMA di I II e III livello, crioconservazione gameti ed embrioni, analisi liquido seminale, frammentazione DNA spermatico e citogenetica.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *