Iter fecondazione assistita

iter diagnostico fecondazione assistitaFECONDAZIONE ASSISTITA: COME FUNZIONA

COLLOQUIO CON LA COPPIA

La prima visita ha lo scopo di conoscere i medici e delineare il quadro clinico, valutando la storia clinica della coppia, prospettando il trattamento più idoneo, illustrando le procedure, le percentuali di successo, i rischi correlati al trattamento ed i costi. Per un corretto inquadramento è utile che la paziente porti con sé tutti i referti medici precedenti. In alcuni casi sarà opportuno eseguire ulteriori accertamenti o ripetere taluni esami, al fine di raggiungere un’elevata accuratezza diagnostica e personalizzare il trattamento.

Nella stessa seduta verranno inoltre consegnati la lista degli esami previsti per l’accertamento di idoneità al trattamento anestesiologico e gli esami preconcezionali necessari per evidenziare eventuali patologie in grado di rappresentare un rischio per il decorso della gravidanza e per il nascituro. I temi che a norma di legge sono stati oggetto di discussione nel colloquio verranno riassunti in un documento di consenso informato che verrà firmato dai pazienti.

 

Pazienti provenienti da altre regioni

Per ottimizzare e velocizzare i tempi di accesso alla tecnica di fecondazione assistita e per evitare stress e disagi organizzativo-lavorativi, gli incontri saranno ridotti al minimo, cumulando l’effettuazione di più esami nello stesso giorno. Infatti, chi desidera, al primo colloquio può già effettuare i seguenti esami:

 Partner Femminile

  • VISITA E *THIN PREP – (*se l’esame è stato eseguito nell’anno in corso, non viene richiesto)
  • ECOGRAFIA TRANSVAGINALE COMPLETA DI FLUSSIMETRIA DELLE ARTERIE UTERINE E CONTA DEI FOLLICOLI ANTRALI

Partner Maschile

  • SPERMIOGRAMMA: se l’esame è stato eseguito nei precedenti 3 mesi, secondo i parametri WHO 2010, non viene richiesto
  • TEST DI CAPACITAZIONE IN VITRO
  • SPERMIOCOLTURA
  • EVENTUALE TEST DI FRAMMENTAZIONE DNA SPERMATICO
  • EVENTUALE ECOGRAFIA TESTICOLARE DOPPLER

 

CONSULENZA PSICOLOGICA

Il servizio di consulenza psicologica é una tappa fondamentale nell’ iter diagnostico e terapeutico finalizzato all’ascolto e al sostegno delle donne e degli uomini che affrontano il percorso delicato e complesso della Fecondazione Assistita.

 

DIAGNOSI

La terapia della sterilità di coppia deve essere preceduta da una corretta diagnosi della affezione o delle affezioni che hanno determinato la patologia riproduttiva. Una coppia che non ha ancora concepito dopo un anno di rapporti sessuali tendenti alla procreazione deve sottoporsi ad una serie di esami dopo i quali si stabilisce la corretta terapia.

 

ESAMI PRELIMINARI PMA

Per disposizione del Ministero della sanità circolare n ° 17 del 10/04/1992 ed in base ai protocolli clinici in vigore presso la CLINICA HERA tutte le coppie che accedono ai programmi di concepimento assistito devono eseguire gli esami di seguito elencati.

 

PARTNER FEMMINILE

CARIOTIPO

FIBROSI CISTICA

PANNELLO TROMBOFILIA (Fattore XIII – Fattore II – Fattire V di Leiden – GPIIa – GPIIIa)

PANNELLO TROMBOFILIA (Fattore VII– Beta Fibrinogeno – PAI1 – MTHFR (a1298c – c677t – a66g)

GRUPPO SANGUIGNO

ELETTROFORESI DELL’EMOGLOBINA *se gli esami sono già stati eseguiti non vengono richiesti

ANTI TOXOPLASMA IGG – IGM

ANTI HERPES IGG – IGM

ANTI CITOMEGALOVIRUS IGG – IGM

ANTI ROSOLIA IGG – IGM

ANTI CLAMIDYA IGG – IGM

ANTI CARDIOLIPINA IGG – IGM

ANTI COAGULANTE LUPUS-LIKE

ANTI NUCLEO

AMA

ENA

ANTI GLIADINA IGG – IGA

ANTI TIREOPERODDIDASI (TPO)

ANTI TIREOGLOBULINA (ABTG)

ANTI MICROSOMIALI

GLUCOSIO -6 FOSFATO DEIDROGENASI

ANTITROMBINA III

TIPIZZAZIONE LINFOCITARIA (linfociti totali-linfocit t-linfociti t helper inducer (cd3+cd4)
linfociti t suppressor cytotoxic (cd3+cd8)-indice helper/suppressor (cd4/cd8)-linfociti t natural killer (cd3+cd16+56)-linfociti b totali)

PROTEINA C – PROTEINA S

EMOCROMO CON FORMULA

PT-PTT

GLICEMIA

AZOTEMIA

COLINESTERASI

CREATININA

BILIRUBINA

VES

QPE

COLESTEROLO

TRIGLICERIDI

TRANSAMINASI

FIBRINOGENO

INSULINEMIA

TPHA

VDRL

HIV

HBS Ag

HBc Ab

HCV

TAMPONE CERVICALE PCR

TAMPONE VAGINALE COLTURALE

ESAME COLTURALE ENDOMETRIO PCR

VISITA CARDIOLOGICA CON ECG *se gli esami sono stati eseguiti nei precedenti sei mesi non vengono richiesti

ECO MAMMARIA *se l’ esame è stato eseguito nell’anno in corso non viene richiesto

 

 

PARTNER MASCHILE

 

CARIOTIPO

FIBROSI CISTICA

MICRODELEZIONE CROMOSOMA Y (in caso di oligozoospermia severa)

PANNELLO TROMBOFILIA (Fattore II– Fattore V di Leiden – GPIIa – GPIIIa – PAI1 – MTHFR (a1298c – c677t – a66g)

GRUPPO SANGUIGNO

ELETTROFORESI DELL’EMOGLOBINA *se gli esami sono già stati eseguiti non vengono richiesti

ANTI CLAMIDYA IGG – IGM

GLUCOSIO -6 FOSFATO DEIDROGENASI

HBS AG

HBc Ab

HCV

HIV

VDRL

TPHA

TAMPONE URETRALE PCR *se gli esami sono stati eseguiti nei precedenti sei mesi non vengono richiesti

 

 

PROGRAMMA PRELIMINARE

ACCERTAMENTI PRELIMINARI PARTNER FEMMINILE

 

  • VISITA E *THIN PREP *se l’esame è stato eseguito nell’anno in corso, non viene richiesto
  • ECOGRAFIA TRANSVAGINALE COMPLETA DI FLUSSIMETRIA DELLE ARTERIE UTERINE E CONTA DEI FOLLICOLI ANTRALI
  • ESAMI ORMONALI AL 3°GIORNO DEL CICLO E RISERVA OVARICA: FSH – LH – 17BETAESTRADIOLO – PROLATTINA – PROGESTERONE – TSH – FT3 – FT4 – INIBINA B – AMH (l’AMH viene richiesto al 3° giorno del ciclo per questioni di comodità, in quanto si devono effettuare comunque gli ormoni ovarici del terzo giorno, ma si può dosare in qualsiasi periodo del ciclo)
  • MONITORAGGIO FOLLICOLARE ECOGRAFICO (comprensivo di 5/6 ecografie)
  • TAMPONE CERVICALE
  • TAMPONE VAGINALE: se gli esami sono stati eseguiti nei precedenti 6 mesi non vengono richiesti, con lettura PCR
  • SONOISTEROSALPINGOGRAFIA (se non è stata mai effettuata quella o l’Isterosalpingografia)
  • ISTEROSCOPIA DIAGNOSTICA: se l’esame è stato eseguito nei precedenti 3 mesi, non viene richiesto
  • EVENTUALE ISTEROSCOPIA OPERATIVA CON ANESTESIA (polipectomia)
  • EVENTUALE ISTEROSCOPIA OPERATIVA CON ANESTESIA (utero subsetto)
  • EVENTUALE CONTROLLO ECOGRAFICO PRETECNICA

 

ACCERTAMENTI PRELIMINARI PARTNER MASCHILE

  • ESAME LIQUIDO SEMINALE: se l’esame è stato eseguito nei precedenti 3 mesi,secondo i parametri WHO 2010, non viene richiesto
  • TEST DI CAPACITAZIONE IN VITRO
  • SPERMIOCOLTURA
  • TAMPONE URETRALE: se l’esame è stato eseguito nei precedenti 6 mesi non vengono richiesti, con lettura PCR
  • EVENTUALE TEST FRAMMENTAZIONE DNA SPERMATICO
  • EVENTUALE ECOGRAFIA TESTICOLARE DOPPLER

 

TAPPE DEL TRATTAMENTO PMA

Nel corso di una consulenza preliminare viene valutata la storia clinica della coppia, prospettato il trattamento più idoneo, illustrate le procedure, le percentuali di successo, i rischi correlati al trattamento ed i costi e tutte le altre informazioni che la legge 40/2004 contempla. Nella stessa seduta vengono inoltre consegnati lo schema di terapia, la lista degli esami previsti per l’accertamento di idoneità al trattamento anestesiologico e gli esami preconcezionali necessari per evidenziare eventuali patologie in grado di rappresentare un rischio per il decorso della gravidanza e per il nascituro; se la coppia decide di sottoporsi a quanto prospettato dal medico in sede di consulto, si procede all’esecuzione del trattamento di PMA.

 

STIMOLAZIONE OVARICA

Un ciclo di concepimento assistito prevede diverse tappe, il primo momento consiste nella stimolazione ovarica, al fine di ottenere la contemporanea maturazione di più follicoli, aumentare, verosimilmente, il numero di ovociti recuperati e quelli potenzialmente fecondabili per ottenere un maggior numero di embrioni vitali. La “superovulazione” può essere ottenuta utilizzando vari farmaci a seconda dei differenti protocolli.

I protocolli di stimolazione utilizzati presso il nostro centro sono ultrapersonalizzati per ogni paziente, a seconda della diagnosi clinica, dell’età, della riserva ovarica ed di eventuale test di Farmacogenetica. Si utilizzano:

  • Protocollo Lungo con Agonisti
  • Protocollo Corto con Agonisti
  • Protocollo Corto con Antagonisti
  • Protocollo con Inibitori dell’aromatasi (in donne con pregressa storia di carcinoma mammario).

 

MONITORAGGIO

Il ciclo di trattamento viene accuratamente monitorato tramite frequenti indagini ecografiche e prelievi ematici seriati per i dosaggi ormonali, al fine di personalizzare la terapia per ottimizzarne il risultato. In un ciclo condotto correttamente quando la dimensione dei follicoli raggiunge il diametro massimo di 18 mm circa si procede alla somministrazione dell’HCG per indurre la definitiva maturazione ovocitaria e dopo 34-36 ore si passa alla tappa successiva rappresentata dal prelievo ovocitario.

Durante il monitoraggio ecografico ed ormonale le pazienti dovranno presentarsi al mattino in orari che potranno essere concordati con l’infermiera compresi nella fascia oraria 8.30 – 10.30, dal lunedì al venerdì, e dalle 8.30 alle 9.30 il sabato e la domenica. Tali fasce orarie sono motivate dalla necessità di avere i risultati dei dosaggi ormonali in giornata.

Lo scopo della stimolazione ormonale è quello di ottenere un numero di ovociti che consenta il trasferimento di un adeguato numero di embrioni (legge 19/02/2004 n°40)**

 

PRELIEVO ECO-GUIDATO DEGLI OVOCITI – PICK UP

Le pazienti sono invitate a presentarsi al centro un’ora prima dell’ingresso in sala operatoria: tale anticipo è ritenuto indispensabile per consentire alle pazienti di potersi sottoporre all’intervento in serenità e senza affanno. Non è pertanto necessario un ulteriore anticipo sull’orario comunicato dall’infermiera. Terminato il prelievo di ovociti un medico comunicherà al marito il risultato e l’orario presunto di dimissione: mediamente la durata della degenza è di 2-3 ore, salvo condizioni cliniche non ottimali.

 

TRASFERIMENTO DEGLI EMBRIONI / BLASTOCISTI

Le pazienti sono invitate a presentarsi al centro circa un’ ora prima del transfer. A transfer avvenuto le pazienti sosteranno sul lettino ginecologico per dieci minuti, saranno poi trasferite sulla barella dove resteranno a riposo per circa un’ora.

 

COME POSSO PRENOTARE UN APPUNTAMENTO ?

Contattaci nei seguenti modi:

1) Compila il form a destra nell’area “Chiedi all’esperto
2) Contatta il nostro call center utilizzando i numeri elencati nella pagina contatti
3) Inviaci un’email a info@clinicahera.it