Varicocele: operazione in microchirurgia

varicocele

Nuove prospettive nella cura del varicocele.

 

I numerosi cambiamenti determinati dall’uomo e l’effetto devastante che ciò sta portando all’ambiente sta determinando in maniera crescente l’incapacità riproduttiva del genere umano.

Un dato che salta agli occhi è che circa il 40% della sterilità è da attribuire a problematiche andrologiche. Bisogna inoltre considerare che la presa di consapevolezza del problema di un partner inevitabilmente influisce sulla problematica di coppia.

La chirurgia andrologica ha fatto passi da gigante negli ultimi 10 anni.

In particolare la microchirurgia (tra cui: microchirurgia varicocele), alla quale si dedicano pochi in Italia, ha rappresentato una vera e propria rivoluzione nella lotta alle patologie di tipo maschile.

Una delle problematiche largamente riscontrata in sede di visita andrologica è il Varicocele.

Il Varicocele è una patologia a carico del sistema vascolare del testicolo che colpisce il 15-20% della popolazione maschile, ed è presente nel 30-40% degli uomini con problemi di fertilità.

Come ogni altro organo del nostro corpo, anche i testicoli ricevono sangue arterioso (ricco di ossigeno, nutrienti, ormoni, etc), dopo aver ceduto tali sostanze il sangue diventa venoso (ricco di anidride carbonica, sostanze di scarto e tossiche) e defluisce dal testicolo.

Quando ci troviamo di fronte ad un varicocele, il testicolo non riesce ad eliminare il sangue venoso attraverso le vene, si crea un fenomeno chiamato reflusso che determina una dilatazione delle vene spermatiche.

La conseguenza di tutto ciò è un’ alterazione sia metabolica sia strutturale, in più si ha un aumento della temperatura testicolare che genera scarse condizioni ottimali per la crescita e la maturazione di spermatozoi sani e con capacità fecondante. Queste condizioni portano ad un’alterazione del liquido seminale che presenterà varie anomalie tra cui, le più comuni, diminuzione del numero di spermatozoi e/o alterazioni della loro motilità e morfologia.

Le linee guida internazionali indicano che tale patologia deve essere trattata quando è causa di alterazioni del liquido seminale e/o dolore testicolare, e che tra le terapie da seguire, in ordine di validità, c’è proprio  la tecnica microchirurgica che oramai risulta essere la strada più sicura per il paziente.

Tale tecnica permette di abbassare di molto le percentuali di recidive che sono attualmente nell’ordine dello 0-2%

La Clinica Hera di Giugliano in Campania (Napoli Nord) da sempre si avvale dei miglior collaboratori medici esperti del settore andrologico, nostra è un’analisi, pubblicata in sedi congressuali di notevole rilievo scientifico internazionale come la Società Europea di Riproduzione ed Embriologia Umana (ESHRE), dove abbiamo potuto riscontrare già a breve distanza temporale dall’intervento di varicocele  un aumento della qualità del liquido seminale in termini di vitalità, motilità e morfologia.

Autore Dott. S. Russo

Dott. Sabatino Russo , responsabile del centro di Fecondazione Assistita Hera. Specializzato in Ostetricia e Ginecologia, Chirurgia Oncologica ed esperto in diagnosi prenatale.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *