Ricerca e trattamento di rimozione dell’HPV su campione seminale

Ricerca e trattamento di rimozione dell’HPV su campione seminale

19 Gennaio 2021
 

Il ruolo dell’HPV e delle patologie correlate sono stati ampiamente studiati nella donna, al contrario dell’infezione maschile da HPV, di cui sono disponibili pochi dati in letteratura. Infatti, non è ancora ben chiaro se e in che modo il contagio da Papillomavirus possa alterare la funzionalità riproduttiva.

Per quanto riguarda l’uomo, questo virus è stato trovato non soltanto lungo tutto il tratto genitale esterno, ma anche nell’uretra, nei dotti deferenti, nell’epididimo, nei testicoli e, infine, nel liquido seminale, dove si trova adeso agli spermatozoi. L’infezione sembra essere responsabile di alterazioni relative alla qualità dei parametri seminali, in primis la motilità, soprattutto nei pazienti con diagnosi di infertilità idiopatica, suggerendo quindi una possibile relazione causa-effetto tra l’infertilità maschile inspiegata e la presenza dell’HPV nei campioni. Inoltre, diversi studi sperimentali in vitro hanno evidenziato che l’esposizione ad alcuni genotipi virali induce la frammentazione del DNA spermatico e, in alcuni casi, causa il movimento laterale della testa dello spermatozoo. Un altro importante dato riporta una prevalenza di anticorpi anti-spermatozoi, in particolare nel liquido seminale di soggetti HPV-positivi, probabilmente causa della ridotta motilità. In ultimo, un recente studio relativo al ruolo dell’HPV in coppie infertili sottoposte a trattamenti di PMA, ha mostrato una correlazione tra l’infezione maschile e l’aumento del rischio di aborto spontaneo.

Sulla base di questi dati, sono state proposte diverse procedure di lavaggio del liquido seminale per ridurre la carica virale, in particolare nelle coppie che intraprendono un percorso di riproduzione assistita. In effetti, le tecniche di PMA (IUI, FIVET, ICSI, IMSI, PICSI) potrebbero addirittura rappresentare delle soluzioni possibili nei casi in cui la riduzione della fertilità sia dovuta all’infezione virale stessa.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi